ITINERARIO N°10 Passo Tonale / Vescasa / Case di Viso / S.Apollonia / Ponte di Legno

Itinerario di impegno minimo ma che, con l’utilizzo della cabinovia di collegamento Pontedilegno – Tonale, offre la possibilità di divertirsi in discesa oltreché di effettuare un percorso di ampio respiro in un contesto ambientale di notevole bellezza.

Profilo

Quick Info

  • Periodo consigliato: giugno/ottobre
  • Lunghezza: km 22
  • Dislivello in salita:  m 350
  • Pendenza media in salita:  6 %
  • Tempo medio di percorrenza: h 2.00
  • Asfalto: 22 %
  • Sterrato: 68 %
  • Mulattiera: 1 %
  • Single Track: 9 %
  • Difficoltà: MEDIA

Utility Download

Dal Passo Tonale o dalla stazione di arrivo della cabinovia Pontedilegno – Tonale seguire la sterrata che taglia le umide praterie del Tonale e scende verso Ponte di Legno. Oltrepassata la statale nei pressi del sovrappasso delle piste di sci, si prosegue lungo la vecchia strada sterrata del Tonale e si continua sino ad una “santella”. Qui si risale a destra una mulattiera che raggiunge la statale del Tonale; attraversatala, si prosegue sino a Vescasa Alta, stupendo palcoscenico sulla conca di Ponte di Legno. Continuando con qualche saliscendi si giunge al termine della strada sterrata e si imbocca un bellissimo sentiero, solo inizialmente ripido, attraverso il quale, con divertente discesa, si raggiunge Talas. Svoltando a destra si prosegue lungo la “Strada Tonalina” e, al bivio poco dopo Case Piazzola, si risale la lunga strada forestale (circa 3 Km) che raggiunge l’incantevole nucleo di Case di Viso, m 1758. Si scende lungo la strada asfaltata sino al bivio di Case Pirli; attraversato questo bellissimo nucleo rurale ancora ben conservato si gira a sinistra e si imbocca una divertente mulattiera che conduce nell’abitato di Pezzo. Lo si attraversa per intero e, al tornante, si continua dritti lungo una bella sterrata che conduce dapprima allo scenografico pianoro di Case di Giuoco e poi a S. Apollonia. Si segue in discesa per poche centinaia di metri la strada provinciale del Gavia sino all’imbocco di un sentiero che costeggia in sinistra idrografica l’impetuoso torrente Frigidolfo. Al tornante a monte del Ponte dei Buoi si interseca nuovamente la strada asfaltara e si ritorna a Ponte di Legno.